Meizu è decisamente pronta a sedare il mare infinito di gonfiore furente alimentato dalla seppur debolmente nutrita numerosità di oppositori.
Finalmente va sceverandosi l’immane migma che obnubilava, oscuro, l’uscita dell’atteso Note 3, avente l’intendimento di coronare l’ampia semenza della casa.

Un motivo ci sarà se ne sono stati venduti 100.000 in soli 7 minuti (238 al secondo), un dato che soggiogherebbe pure il certamente più popolare, fama super aethera notus, colosso coreano, che si ferma a 10.000.000 unità di S7 mensili (4 al secondo), andando a denotare una curva di vendita di un’assai più modesta pendenza.

Pregevole è la caratura del comparto hardware: il sensore di impronte digitali dà accesso all’avveniristico display IPS, 403ppi, 5.5 pollici, incamerato in una scocca metallica dalle contenute dimensioni di 153,6×75.5×8.2mm che potrebbe dire la sua in un agone contro i migliori top di gamma.

La CPU Mediatek Helio P10, 64 bit, dalla più belluina potenza e l’eterea RAM da 3Gb si fondono ineluttabili, mirifiche, e fanno girare l’ormai atavico Android 5.1 Lollipop con una fluidità quasi pletora, anche con l’utilizzo più stressante.

Nessun rabbuffo alle rubizze e stentoree fotocamere, esterna dual flash 13MPX 4160×3120, interna 5MPX che, solerti, torreggiano tetragone su un comparto fotografico di un’aitante precisione.

32Gb di memoria interna espandibile, 163g di massa e 4100, interminabili, Mah di batteria, rifiniscono un terminale che bercia assai per sfondare nel mercato con un prezzo di 200 euro in prevendita a seconda dello store.

Galleria IMG_20160415_183204

Valutazione
  • Design
  • Hardware
  • Autonomia
  • Qualità / prezzo
Valutazione finale8.5

Il primo della serie meizu 2016!

Categories

Related Posts

  • Jerry Alisandros

    È un vorrei ma non posso ……non capisco perché copiare in toto iPhone